Berrettini, Sinner e gli altri azzurri, pronti a sorprendere nel Masters di casa

Verso gli Internazionali BNL d’Italia con un’analisi sullo stato di salute degli italiani impegnati

Periodi di forma differenti, ma con la stessa grande voglia di regalare sorprese ad accomunarli. Stanno per cominciare gli Internazionali BNL d’Italia, non un semplice torneo per gli azzurri che di settimana in settimana mettono in risalto i passi in avanti che il nostro tennis sta facendo. In un periodo storico in cui senz’altro non mancano i rivali, ma in cui gli italiani vanno spesso oltre le aspettative. 

undefined

A cominciare da Matteo Berrettini, appena 25enne, ma ormai consolidato numero 10 al mondo e rinvigorito dalla vittoria a Belgrado contro la sorpresa Karatsev, capace di battere in semifinale la stella di casa Djokovic. L’edizione romana dello scorso settembre senz’altro gli ha detto bene, con l’uscita di scena ai quarti di finale contro Ruud (poi eliminato dal vincitore Djokovic) dopo aver battuto l’altro azzurro, Stefano Travaglia, agli ottavi.

Ancora più spasmodica l’attesa per Jannik Sinner, enfant prodige del tennis italiano, quasi una certezza nonostante i 20 anni ancora da compiere. Numero 18 al mondo, nel 2020 è stato eliminato agli ottavi dopo un’autentica magia nel turno precedente. L’altoatesino, infatti, si era reso protagonista sul Pietrangeli lottando e battendo in tre set (6-1, 6-7, 6-2) l’attuale numero 5 al mondo, Stefanos Tsitsipas. E sulla terra rossa Jannik si trova a meraviglia, come dimostrato anche nell’ultima semifinale raggiunta in quel di Barcellona prima di essere sconfitto proprio dal greco.

Sentimenti contrastanti, invece per gli altri due italiani del main draw, Fabio Fognini e Lorenzo Sonego. Il primo, soprattutto, deve necessariamente rifarsi dopo la recente squalifica all’ATP di Barcellona con conseguenti polemiche che ne sono scaturite per le accuse (respinte dal numero 28 al mondo) di aver rivolto espressioni ingiuriose a un giudice di linea. Curioso infortunio invece per Sonego, 33º nel ranking ATP, che ha dovuto rinunciare al Masters 1000 di Madrid per un incidente domestico: il torinese, infatti, si è procurato un distaccamento osseo all’anulare della mano sinistra sbattendo contro una porta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: