Prada, la gioia del mare. Utopia, speranza e positività

C’è il mare cristallino della Sardegna all’uscita dal tunnel-passerella su cui Prada fa sfilare la collezione per la prossima estate, quasi a indicare che la liberazione è vicina, e a trasmettere – dice Miuccia Prada – “un senso di utopia, di ideale, di speranza e positività”.

Perché “immergersi nella natura, andare in spiaggia, è sinonimo di libertà. È utopico. È davvero un bisogno primario, ma anche un bisogno intellettuale.” “Ciò che questa collezione e questa sfilata vogliono catturare – sintetizza lei – è la gioia del quotidiano, l’idea che vivere la propria vita può essere un’esperienza esaltante. Da una cosa semplice può scaturire una gioia immensa: quando i tempi si fanno complicati, cerchiamo piaceri essenziali e diretti: l’innocenza.” La stessa con cui nel video che presenta la collezione i modelli, all’uscita dal tunnel rosso immaginato dallo studio Amo, provano immergendosi nell’acqua o giocando con la sabbia e il sole in riva al mare.

“La collezione – spiega il condirettore creativo Raf Simons – è molto semplice, pratica, ma sempre elegante. Molti i capi per il mare, ma anche capi sartoriali. Tutto molto puro, molto semplice. Non ci sono silhouette sovraccariche. Le stesse silhouette per entrambe le soluzioni, in città e in spiaggia, appropriate, ma in modi differenti”. Al centro della proposta, il corpo, enfatizzato da short aderenti, tutine intere con immagini marine come sirene e polipi, canottiere con righe come quelle delle sdraio, perché “questa collezione celebra la bellezza del corpo umano e la sua libertà”. Un corpo liberato da pantaloni arrotolati come per un bagno imprevisto, ma anche grazie ad accessori come il cappello da pescatore con i passanti per gli occhiali e il portamonete triangolare sulla nuca.

Una proposta dove la giacca a 2 bottoni si porta con gli shorts, il bomber di pelle con la pettorina tricottata, il chiodo giallo si alterna alla felpa di spugna jacquard a motivi floreali, con l’aria sbiadita dal sole, la giacca gessata cede il passo alla tutina di cotone a righe.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: